<< Torna alla pagina Eventi../../../../Eventi.html../../../../Eventi.htmlshapeimage_2_link_0
 
 


ALBERT HERA

LA GRANDE VOCE DI “VOICE ANATOMY”

Il programma di Rai2 condotto da Pino Insegna


FABIO GIACHINO

Piano e sintetizzatori


GIORGIA MOLINARI

,Illustrazioni



Albert Hera, pseudonimo di Alberto Quarello (Collegno, 29 Agosto 1967), inizia a studiare come saxofonista e in seguito scopre nella voce il suo vero “strumento”. Nel corso della sua carriera incontra Bobby McFerrin, con cui collabora nella sua opera improvvisata “Bobble” e nell’ album VOCAbuLarieS, definito dalla critica uno dei più grandi capolavori di musica corale del 21° secolo. Tra le altre personalità di spicco collabora in diversi progetti con Franco Fussi, Roger Treece, Paolo Fresu, Gegè Telesforo, Swingle Singers, London Vocal e Pino Insegno, solo per citarne alcuni. La sua ricerca di “narratore di suoni”, lo portano a definire un vero e proprio “neolinguaggio” che racchiude la capacità di portare l’ascoltatore ad immaginare luoghi, profumi, danze e genti lontane, tessendo, grazie all’improvvisazione, trame e racconti unici e talvolta epici. Affianca de sempre il mestiere dell’insegnante, portando avanti, da moltissimi anni, una filosofia legata al canto, sia individuale che in cerchio. Nel 2006 ha costruito il progetto didattico CircleLand, un nuovo modo di concepire il canto corale in cerchio (circlesinging). Durante i suoi molti viaggi, è riuscito a far conoscere il circlesinging in Italia e all’estero. Con le sue conoscenze e competenze è diventando uno dei più importanti progettisti e consulenti nel campo eventi, editoria e formazione, legati alla voce e al canto. Tra i suoi progetti innovativi si trovano CircleLand Festival, il primo ed unico evento al mondo basato sulla forza e la grande energia del cerchio dove la voce, la danza e le percussioni sono i protagonisti e Siing Magazine il primo trimestrale al mondo in doppia lingua Italiano/Inglese che parla di canto a 360°. Nel campo della ricerca è ideatore e coordinatore insieme al dott. Franco Fussi del primo corso di alta formazione post universitaria, il “Circlesinging Educational” approvato dall’Università Alma Mater Studiorum di Bologna. Dal 2017 è direttore artistico del Convegno Internazionale “La voce Artistica” ideata dal Prof. Franco Fussi, che si tiene a Ravenna presso il teatro Dante Alighieri ogni due anni, ed è consulente di direzione e ideazione artistica per uno dei più importanti festival Jazz Italiani, il “Moncalieri Jazz Festival”. È del 2020 la sua partecipazione all’innovativa trasmissione televisiva “Voice Anatomy”, in onda su Rai 2, condotta Pino Insegno, in veste di soundteller, il cui compito è raccontare, improvvisando con i suoi suoni, gli argomenti proposti in studio.


Fabio Giachino, classe ’86 è considerato uno dei maggiori talenti apparsi sulla scena musicale italiana degli ultimi anni. Nato ad Alba e trasferitosi successivamente a Torino, e’ stato insignito di importanti riconoscimenti in tutti i principali premi italiani ed europei a livello Internazionale e Nazionale. Come solista si è aggiudicato il “Premio Internazionale Massimo Urbani 2011”, il “Premio Nazionale Chicco Bettinardi 2011”, ed il Red Award “Revelation of the year 2011” JazzUp channel. In trio ha ottenuto il Premio Speciale “Best Band” al “Bucharest International Competition 2014”, il premio “Fara Music Jazz Live 2012″ (sia come miglior solista che come miglior gruppo), il premio”Barga Jazz Contest 2012” e il “Premio Carrarese Padova Porsche Festival 2011”.


Giorgia Molinari. Nata a Trento nel 1984, lavora come grafica e illustratrice. Dopo la laurea in Comunicazione collabora con diversi studi grafici e dal 2008 si occupa di comunicazione visuale per aziende e liberi professionisti italiani e internazionali. Nel 2016 ha vinto il Primo premio IDA e una Menzione d’Onore dall’International Design Awards Association di Los Angeles. Da alcuni anni si dedica anche alla facilitazione grafica, una performance visiva che racconta in tempo reale le idee e i flussi di pensiero che emergono durante un evento. Ama usare metafore visive e giocare con segni semplici e colori vibrantiper creare immagini surreali.